Voi siete qui: Home Diritto Penale Appropriazione indebita e Ricettazione
Appropriazione indebita e Ricettazione Stampa E-mail

ASSISTENZA LEGALE - ANCHE CON GRATUITO PATROCINIO

PREVENTIVI GRATUITI

CONTATTACI SUBITO - PREMI QUI


Lo studio Legale SAL offre adeguata assistenza legale ai soggetti attivi e passivi del reato di appropriazione indebita.

Ciò che contraddistingue lo studio legale SAL dagli altri studi consiste nella possibilità per la clientela di fruire di un primo consulto senza costi in studio che permetterà loro di avere più chiara la situazione in ordine a tutti quelli che sono gli aspetti del reato in oggetto.


REATO DI APPROPRIAZIONE INDEBITA E RICETTAZIONE

Il reato di appropriazione indebita (art. 646 c.p.) si configura quando taluno, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria del denaro o della cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso (da intendersi come mera detenzione). Questo reato è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a 1.032 euro.

Se il fatto è commesso su cose possedute a titolo di deposito necessario, la pena è aumentata. Si procede d'ufficio, se ricorrono talune specifiche aggravanti.

Diverso è ancora il caso della ricettazione (art. 648 c.p.).

Commette tale delitto chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, nel quale egli non sia concorso, o comunque si intromette nel farli acquistare, ricevere od occultare (art. 648 c.p.).

La ricettazione ricorre anche quando l'autore del delitto, da cui il danaro o le cose provengono, non è imputabile o non è punibile.

Lo scopo dell'incriminazione è quello di impedire che, verificatosi un delitto, persone diverse da coloro che lo hanno commesso o sono concorsi a commetterlo, si interessino delle cose provenienti dal delitto medesimo per trarne vantaggio.

Il delitto appartiene alla categoria dei delitti contro il patrimonio.

Il reato in esame presuppone che anteriormente ad esso sia stato commesso altro delitto al quale però il ricettatore non abbia partecipato. Il reato anteriormente commesso deve essere un delitto, non una semplice contravvenzione.

Pena: Reclusione da 2 anni ad 8 anni e multa da euro 516 a euro 10.329; reclusione fino a 6 anni e multa sino a euro 516 nell'ipotesi attenuata.

 

Sfratto per Morosità
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI

Avvocato Penalista
Preventivi Gratuiti

CLICCA QUI

Le nostre competenze

Fondo Vittime della Strada
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI

Separazione Coppia di Fatto
e
Affido Minori
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI



Studio Assistenza Legale - p.i. 0605576121 :: Area riservata :: Sito realizzato da Flaweb | Privacy Policy