Voi siete qui: Home Invalidità Civile Definizioni
Studio Assistenza Legale - Invalidità civile - Definizioni
Definizioni Stampa E-mail

 

RICORSO CONTRO VERBALE I.N.P.S. DI INVALIDITA' CIVILE


ASSISTENZA LEGALE PRESSO I TRIBUNALI DI NAPOLINOLA, AVERSA, SANTA MARIA CAPUA VETERE


Non sei soddisfatto del Giudizio Espresso dalla Commissione Medica ?
Ricorri al Giudice per vederti riconosciuta la giusta percentuale di Invalidita Civile
Scopri il nostro servizio Gratuito di Assistenza Legale ( Premi Qui )

 

 

 

Si considerano mutilati ed invalidi civili i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari psichici per oligofrenie di carattere organico e dismetabolico, insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali che abbiano subito una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore ad un terzo o, se minori di anni 18, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età. Ai soli fini dell’assistenza socio-saniaria e della concessione dell’indennità di accompagnamento, si considerano mutilati ed invalidi i soggetti ultrasessantacinquenni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.

Può essere invalido civile il minore, l’adulto o l’ultrasessantacinquenne, purchè sia:

  • Cittadino italiano
  • Cittadino di uno stato membro dell’Unione europea, stabilmente residente in Italia;
  • Apolide o straniero, di qualunque età, purchè titolare di permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno.

La soglia minima per il riconoscimento dell’invalidità civile è quella di un terzo di riduzione della capacità lavorativa. Infatti una percentuale più bassa non attribuisce alcun diritto o beneficio.

Ai fini della valutazione dell’invalidità civile, la riduzione della capacità lavorativa deve essere permanente.

Sono esclusi dalla categoria degli invalidi civili, gli invalidi per causa di guerra, di lavoro e di servizio.

Invece, ciechi civili e sordomuti rientrano nella catgoria degli invalidi civili, anche se per essi si applicano leggi speciali.

Ciechi assoluti sono coloro che hanno totale mancanza della vista o coloro che conservano la mera percezione dell’ombra o della luce.

Ai sensi dell’art. 2 , legge 138/2001, sono ciechi totali:

  • Coloro che abbiano totale mancanza della vista in entrambi gi occhi;
  • Coloro che abbiano una  mera percezione dell’ombra e della luce o dl moto della mano in entrambi gli occhi o nel migliore tra i due;
  • Coloro il cui residuo perimetrico binoculare sia inferiore al 3%.

I ciechi parziali sono coloro che, a seguito di correzione, hanno un residuo visivo, in entrambi gli occhi, non superiore ad un ventesimo. Ulteriore categoria di ipovedenti sono i c.d. decimisti, ossia coloro che, a seguito di correzione, con entrambi gli occhi, mantengono un visus tra un ventesimo ed un decimo.

Rientra nella categoria dei sordomuti : “il minorato sensoriale dell’udito affetto da sordità congenita o acquisita durante l’età evolutiva che gli abbia impedito il normale apprendimento del linguaggio parlato, purchè la sordità non sia di natura esclusivamnte psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio".

 

Hai bisogno di Assistenza Legale in tale settore ? Contatta lo studio ai seguenti numeri di telefono :

Cell: 339.850.14.36

Hai bisogno di una Consulenza Legale in tale settore ? Premi qui: PARERE LEGALE ON LINE

Sfratto per Morosità
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI

Avvocato Penalista
Preventivi Gratuiti

CLICCA QUI

Le nostre competenze

Fondo Vittime della Strada
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI

Separazione Coppia di Fatto
e
Affido Minori
Assistenza Legale in Tutta Italia

CLICCA QUI



Studio Assistenza Legale - p.i. 0605576121 :: Area riservata :: Sito realizzato da Flaweb | Privacy Policy