FACEBOOK TWITTER 081- 579 28 32 339 850 14 36

Risarcimento danni Enel da blackout elettrico e sbalzi di tensione

Lo Studio Legale SAL offre assistenza in tutta Italia a privati ed aziende al fine di ottenere il risarcimento dei danni Enel da blackout elettrico e sbalzi di tensione occorsi ad elettrodomestici, impianti etc.

Sono infatti molteplici i casi in cui gli utenti lamentano sbalzi di tensione che, oltre a provocare l’interruzione della energia elettrica nell’intera zona, procurano danni alle apparecchiature elettriche presenti nell’abitazione o negli esercizi commerciali ( perdita di dati nei computer, rottura hard disk, alimentatori, caricabatterie ) causati appunto dalla loro sottoposizione ad anomalie di flusso che ne hanno bruciato i circuiti.

E’ evidente che coloro che risentono maggiormente di tali anomalie sono i titolari delle aziende e dei negozi ubicati nella zona colpita i quali, oltre al danno derivante dalla rottura delle apparecchiature di cui sopra, subiscono ulteriori danni patrimoniali quali ad esempio  il deterioramento dei prodotti alimentari, evidentemente non più vendibili, nonché  un ulteriore danno da mancato guadagno durante il periodo di prolungata interruzione di energia elettrica.

In tutti questi casi è possibile procedere alla richiesta di risarcimento dei danni.

Ma chi è il legittimato passivo? Ovvero chi risponde dei danni subiti a seguito di sbalzo o interruzione completa di energia elettrica?

Al riguardo la Cassazione ha fatto chiarezza stabilendo che la società che si occupa della semplice compravendita di energia elettrica non può essere chiamata a rispondere dei danni subiti dall’utente finale a causa di un blackout imputabile al malfunzionamento della rete di trasmissione.

In definitiva il vero responsabile è la società che si occupa della distribuzione della tensione, con la conseguente manutenzione.

Pertanto la lettera ( reclamo – diffida ) di richiesta di risarcimento danni  Enel a seguito di blackout elettrico o di sbalzo di tensione va inviata ad Enel Distribuzioni Spa con sede legale in Via Ombrone n. 2 – 00198 – Roma ( pec : eneldistribuzione@pec.enel.it ).

A seguito del reclamo, il fornitore di energia elettrica Enel ha 40 giorni per rispondere.

Qualora non rispondesse entro il termine sopra indicato, la persona danneggiata potrà agire in giudizio per il ristoro dei danni subiti.

Tuttavia si fa notare che tale procedura nasconde molte insidie; pertanto è prettamente consigliabile contattare immediatamente un legale per evitare errori nella formulazione della richiesta risarcitoria.

Al riguardo gli avvocati dello studio SAL offrono assistenza completa in tale campo in tutta Italia, valutando gratuitamente ciascun singolo caso posto alla loro attenzione al fine di garantire al cliente il giusto risarcimento danni Enel.

Richiedi subito informazioni su questo servizio

Compilare il form sottostante esponendo la propria richiesta.

CONTATTACI SUBITO

Tel. Fisso

Cellulare

WhatsApp

E-Mail